Questo sito richiede il plugin flash per mostrare alcuni dei suoi contenuti. DOWNLOAD
Herrmann Hans
item.STAMPA
 
Herrmann Hans
Personaggi
 

| Altri


Nato a Stoccarda il 23 febbraio 1928, Herrmann è considerato uno dei più coerenti ed affidabili piloti da corsa di tutti i tempi.
All’età di 22 anni aveva aperto un caffè pasticceria, ma due anni più tardi, appassionato dall’attività di pista, maturerà la decisione di essere un pilota.
Nel corso della sua carriera motoristica, svoltasi tra il 1952 e il 1970, Herrmann ha conquistato più di ottanta vittorie assolute e di classe e la maggior parte di queste per Porsche. Il suo talento naturale e la sua versatilità di pilota sono leggendari: sia in Formula 1 (con 18 Gran Premi disputati) che nelle gare di resistenza o nelle gare di salita in collina, le sue prestazioni di guida hanno sempre impressionato.

La sua carriera ebbe inizio nel 1952, quando con una Porsche 356, prese parte a competizioni in collina, salite, raduni e guida su pista.
L’anno successivo, arrivò quinto al Rally Lyon-Charbonnières, con Richard von Frankenberg sempre a bordo di una 356.
Già nel secondo anno della sua carriera sportiva, il 1953, conquistò a sorpresa la vittoria di classe sulla lunga distanza della classica italiana Mille Miglia su di una 356 1500 Super è questo sarà il suo biglietto di ingresso per il Porsche Racing Team. Fu quindi, Huschke von Hanstein, Direttore Corse Porsche, a volerlo nella squadra ufficiale.
Nel 1953, corse per la prima volta nella 24 Ore di Le Mans in cui, insieme con il co-pilota Helm Glöckler - in una Porsche 550 Coupé - maturò una buona vittoria di classe nella categoria fino a 1,5 litri. Era solo al suo primo tentativo.
Ottenne il titolo di Campione tedesco degli sport automobilistici e nello stesso anno, attirò l'attenzione di Mercedes-Benz a cui faceva capo il leggendario Alfred Neubauer che, tra 1954 e 1955, quando Herrmann era appena ventiseienne, lo volle nella famosa Rennmannschaft di Daimler-Benz, insieme con Juan Manuel Fangio, Stirling Moss e Karl Kling.
Neubauer riferì al Consiglio di amministrazione: «Herrmann è senza dubbio un talento naturale ed un pilota di grande resistenza».
 

Immagini

line_separator