Questo sito richiede il plugin flash per mostrare alcuni dei suoi contenuti. DOWNLOAD
Coppa 1000 Miglia
item.STAMPA
 
Coppa 1000 Miglia
Sport & Corse
 

| Altri


VIII COPPA DELLE 1000 MIGLIA (8 - 9 aprile 1934)
Fu modificato il percorso dopo Padova puntando su Mestre e Venezia, attraverso il lungo ponte sulla laguna inaugurato nel 1933, e quindi su Treviso, ricongiungendosi a Vicenza all’itinerario classico.
La corsa visse sullo scontro tra Varzi, con un’Alfa 8C 2600 preparata dalla Scuderia Ferrari dove aveva sostituito Nuvolari, e quest’ultimo, alla guida di un’Alfa 8C 2300, curata direttamente dalla Casa, ritornata alle competizioni.
A differenza dell’edizione del 1930, Varzi ebbe il vantaggio di partire dopo Nuvolari, inseguendolo fino a Bologna. L’utilizzo, poi, di pneumatici Pirelli ancorizzati, il cui battistrada era stato intagliato lateralmente per far scaricare l’acqua, al posto dei Dunlop usati da Nuvolari, diede un ulteriore vantaggio al galliatese che, nonostante la pioggia, stabilì il nuovo record della corsa.
Imbattuto rimase, invece, il record di Borzacchini sulla Brescia-Bologna.
Riprendendo l’idea della Mille Miglia, il RACI organizzò a fine maggio il Giro automobilistico d’Italia per la Coppa d’oro in tre tappe per ben 5687 km, riservato alle vetture “utilitarie” e turismo di serie, che non furono quell’anno previste nelle classifiche della corsa bresciana, per non creare un’inutile concorrenza.
La gara voluta da Pietro Parisio, con partenza e arrivo a Roma, ebbe molti più partenti che la Coppa delle Mille Miglia (198 contro 57), ma non fu più ripetuta e il commissario del Governo lasciò nello stesso anno la guida del RACI al principe Aimone di Savoia, duca di Spoleto.
 

Immagini

line_separator