Questo sito richiede il plugin flash per mostrare alcuni dei suoi contenuti. DOWNLOAD
HEMI®
item.STAMPA
HEMI®
Tecnica e componenti
 

| Altri


HEMI è un motore e un marchio registrato Chrysler. Il nome deriva proprio dalla caratteristica testa del cilindro  la cui configurazione originale presenta una candela posizionata sopra quasi al centro, due valvole a flusso trasversale e la camera di combustione di forma emisferica (hemispherical in inglese) che ha dato al motore HEMI il suo nome.
Anche se per molti versi il motore HEMI riferisce agli Anni '60, l'esperienza Chrysler risale alla fine del 1930, quando gli ingegneri cominciarono a sperimentare diversi tipi di motore con l’intento di migliorarne le prestazioni. La sua storia può essere divisa in tre fasi principali: le origini, il 426 e il Nuovo HEMI.
Le origini di questo potente motore vanno ricercate nel 1939 quando la Chrysler, durante la Seconda Guerra Mondiale,  cominciò il lavoro di progettazione e sviluppò di un aereo militare attrezzato con un motore HEMI, il primo motore HEMI: un V-16 per un aereo da caccia.
Ma fu solo nel 1951 che il motore HEMI V-8 venne offerto al pubblico e Chrysler iniziò la sua commercializzazione con il nome FirePower; un motore di 331 cu in (cubic inch) - equivalenti a 5425 cm³ - e 180 hp (≈CV). La potenza generata era un risultato impressionante per l’epoca.
La prima auto ad essere dotata del nuovo motore fu la Crysler New Yorker e tra il 1951 e il 1953, i motori HEMI vennero offerti sulle Chrysler e sulle Imperial, le DeSoto e le Dodge. In particolare vennero introdotti nel 1952 da DeSoto - il FireDome 276 cu in (4523 cm³) - 160 CV e nel 1953 da Dodge il Red Ram 241 cu in (4939 cm³) - 140 CV.
Sebbene i motori portassero nomi diversi - "FirePower", "Fire-Dome" e "Red Ram" – ed erano fabbricati in strutture separate, condividevano un similare approccio progettuale. L’angolo di apertura tra le due valvole era di 58,5°; la valvola di aspirazione aveva dimensioni pari a 1,81 in (45,97 mm), mentre quella di scarico 1,50 in (38,1 mm).
Nel giugno del 1953 i motori HEMI ebbero il loro battesimo del fuoco, con una Allard guidata da Tommy Cole, sul circuito di Bridgehampton, Long Island, New York (storico circuito trasformato in un campo da golf alla fine del XX sec.).
Nel 1955 venne introdotta la Chrysler 300 e venne naturalmente dotata di un motore HEMI che le rese l’appellativo della “più potente auto americana”. Il più potente motore HEMI montato su una 300 generava una potenza di 380 CV e venne montato nel 1958 sulla Chrysler 300D (ultimo modello della 300 Letter Series a montare il motore HEMI – nota: la produzione limitata 300D, con elettronica Bendix per l’iniezione, arrivò a 390 CV).
[Continua ...]
 
  • Cronologia
    1939 Chrysler comincia il lavoro di progettazione del primo HEMI ®, un V-16 per un aereo da caccia.
    1951 Chrysler presenta al mondo automobilistico un motore 180 CV HEMI V-8.
    1952 Uno speciale HEMI viene testato in una roadster Kurtis Kraft Indy; ma non verrà ammesso alla corsa ufficiale perché troppo veloce.
    1953 Lee Petty HEMI Dodge vince cinque gare e finisce seconda ai punti nel campionato NASCAR .
    1954 Una Chrysler HEMI con quattro-cilindri e doppio scarico genera 235 CV.
    1954 Lee Petty vince il campionato NASCAR Grand National alla guida di Chrysler e Dodge dotate di motore HEMI.
    1955 Chrysler presenta come la mitica 300: “la più potente auto americana”. Chrysler 300, 8 cilindri a V, 331 c.i.d. (5425 cm³) HEMI è prima auto di produzione a fare 300 CV.
    1956 Buck Baker vince il NASCAR Grand National Championship a bordo di una Chrysler 300B con 14 vittorie.
    1957 Chrysler 300C HEMI aumenta a 392 c.i.d. (6425 cm³) e 375 CV.
    1958 L'ultimo anno di un motore HEMI sui modelli Chrysler 300.
    1964 Chrysler presenta in una competizione il motore da corsa HEMI 426 c.i.d. (6982 cm³). Richard Petty debutta con il 426 e vince la Daytona 500. Tre Plymouth HEMI segnano una tripletta alla Daytona 500. Le HEMI vincono 26 su 62 corse NASCAR Grand National.
    1965 NASCAR mette fuori del regolamento i motori HEMI impostando dei livelli minimi di produzione per uso stradale.
    1966 Chrysler costruisce la "Street HEMI" e si ritorna alla Nascar Racing. Dodge Charger HEMI vince il campionato NASCAR, Plymouth è secondo. Norm Nelson vince campionato USAC con sette vittorie, in una HEMI Plymouth.
    1967 Richard Petty vince incredibilmente 27 gare Grand National con una Plymouth HEMI, di cui 10 in fila.
    1967 Richard Petty vince il suo secondo campionato NASCAR con la sua HEMI Plymouth.
    1968 Sox e Martin vincono i tre maggiori eventi AHRA; Ronnie Sox venne nominato Pilota AHRA dell’anno. Dodge e Plymouth produssero un numero limitato di 426 HEMI Super Stock Darts e Barracudas.
    1969 Dodge introduce Charger 500 HEMI, che vince 22 corse NASCAR. Gli "alati" Dodge Charger Daytona con motore HEMI regnano su NASCAR super speedways.
    1970 Buddy Baker è il primo a rompere il limite 200 mph (321,9 km/h) su un circuito chiuso cun una HEMI Dodge Charger Daytona.
    1970 Bobby Isaac stabilisce un nuovo record di velocità su circuito chiuso con 201,104 mph (324,6 km/h) in una Dodge Charger Daytona dopo aver vinto il campionato NASCAR.
    1971 Bobby Isaac rompe 28 record a Bonneville in una Dodge Charger Daytona; velocità massima è 217,368 mph (349,8 km/h).
    1971 Richard Petty vince la sua terza NASCAR Grand National Championship in una HEMI Road Runner.
    2003 5,7 litri HEMI si sviluppa fino a 345 CV (257 kW) a 5.400 giri / min e 375 lb.-ft. (508 Nm) di coppia a 4.200 giri/min.
    2003 5,7 litri HEMI è il primo motore di produzione di Chrysler utilizzano due candele per cilindro. Il nuovo HEMI viene nominato uno dei Ward's 10 Best Engines.
    2004 Il Ram 1500 e tutti i nuovi Dodge Durango sono disponibili con 5,7 litri HEMI. Il 5,7 litri HEMI è nominato uno dei Ward's 10 Migliori Motori per il secondo anno di seguito.

Immagini

line_separator

Video

line_separator