Questo sito richiede il plugin flash per mostrare alcuni dei suoi contenuti. DOWNLOAD
Landi Renzo
item.STAMPA
 
Landi Renzo
Aziende e organizzazioni > Marchio
 

| Altri


Landi Renzo è oggi il leader mondiale nella fornitura di sistemi per autotrazione gpl e metano, nonchè uno degli attori principali nel campo della mobilità ecosostenibile a basso impatto ambientale.
L’azienda reggiana nasce con il nome di Officine Meccaniche Renzo Landi nel 1954 ad opera di Renzo Landi e della moglie Giovannina Domenichini.
Sfruttando il contesto economico di quegli anni, che vedeva l’Italia e in particolare l’Emilia favorevoli all’impiego del gas per autotrazione, la famiglia Landi costruisce pezzo a pezzo una lunga storia di successi.
La prima officina Landi nasce in una numerosa famiglia contadina. Renzo, fin da ragazzo dimostra di avere una forte vocazione a costruire nuove apparecchiature per le macchine (moto, muletti, etc.) e ad effettuare esperimenti sui motori e sulle automobili. Si forma come ragazzo di bottega presso l’officina meccanica del fratello maggiore Medardo nella quale i motori benzina vengono trasformati a gas.
La scoperta del metano a Cortemaggiore aveva infatti aperto, già a partire dalla fine degli anni ‘40, nuove prospettive nell’impiego di questo combustibile.
Durante gli anni della guerra lavora come riparatore di automezzi da trasporto militare a Modena.
Nel 1954 fonda una propria attività indipendente per lavori di montaggio delle apparecchiature acquistate presso l’officina del fratello.
L’attività inizialmente si svolge all’interno della stalla risistemata dietro la casa dove i coniugi Landi abitano in via Luca da Reggio a Reggio Emilia.
“In quegli anni si faceva tutto internamente – ricordano i primi dipendenti - partendo da modelli in legno si facevano fusioni in terra e si sviluppavano i prototipi di riduttori di pressione e tutti i componenti particolari per ogni vettura”.
Renzo Landi è l’unica azienda di quegli anni a costruire miscelatori specifici per ogni tipo di mezzo e ad effettuare le registrazioni direttamente sulle singole macchine.
Verso la fine degli anni ‘50, con l’estensione della rete di metanodotti e quindi della rete distributiva del gas GPL, diventa più semplice reperire il carburante e presto aumentano anche gli utilizzatori. In quegli anni sono soprattutto i furgoni da trasporto a richiedere la maggior parte di interventi.
L’attività della Renzo Landi cresce anche per merito del contributo della moglie, che si occupa attivamente di amministrazione e di rapporti commerciali.
All’inizio degli anni ‘60 l’azienda dispone già di una gamma completa di apparecchiature per la conversione degli autoveicoli a GPL e a metano presenti sul mercato, oltre a conoscenze tecniche all’avanguardia.