Questo sito richiede il plugin flash per mostrare alcuni dei suoi contenuti. DOWNLOAD
Alfa Romeo Alfetta
item.STAMPA
Alfa Romeo Alfetta
Prodotti > Automobili
Italy 1972

| Altri


Commercializzata nel 1972, l'Alfetta berlina diventa subito l'auto simbolo del decennio. Il successo si deve alla bontà del progetto che sposa felicemente uno stile accattivante e grintoso con un motore brillante, una meccanica sofisticata e una grande cura nella realizzazione. Il motore è il collaudato quattro cilindri bialbero 1.8 di 122 CV che assicura una velocità massima di 180 km/h a questa vettura di poco più di 1000 kg, lunga 4,28 metri. L'Alfetta piace anche per la linea, nata da uno studio attento a coniugare una forma esterna compatta con un'ottima abitabilità interna e un bagagliaio di oltre mezzo metro cubo. Nel 1975 la gamma del modello si amplia con una versione dotata di motore 1.6 da 109 CV (riconoscibile esternamente per il frontale con due soli proiettori), mentre la 1.8 subisce alcuni ritocchi. Diversa, invece, è l'Alfetta 2.0 che vede la luce due anni dopo: il frontale, ridisegnato, è più lungo di dieci centimetri; i fari sono diventati rettangolari; cambiano calandra, paraurti, luci posteriori e, ovviamente, gli interni. La plancia è più lineare (dal '78, sulla 2000 L sarà anche rivestita di radica), selleria e pannelli delle porte sono in panno pregiato. Diversi, infine, anche il volante, il profilo dei sedili e la strumentazione. La cilindrata maggiore consente una migliore guidabilità e fa dell'Alfetta una delle auto più equilibrate della sua classe. Del '79, poi, è la prima berlina con motore turbodiesel, dove la testata del motore è in quattro pezzi, uno per cilindro.