Questo sito richiede il plugin flash per mostrare alcuni dei suoi contenuti. DOWNLOAD
Pneumatico
item.STAMPA
 
Pneumatico
Tecnica e componenti
 

| Altri


La forza che si manifesta come perdita di energia meccanica dovuta alla deformazione del pneumatico nella zona di contatto, è nota come resistenza al rotolamento.
In assenza di attrito, se il suolo e la ruota fossero perfettamente indeformabili non ci sarebbe resistenza al rotolamento.
Essa dipende da molti fattori come la struttura del pneumatico (radiale o convenzionale), ma causa principale della resistenza al rotolamento dei pneumatici è la proprietà visco-elastica dei composti di gomma utilizzati, che quando deformano, dissipano energia sotto forma di calore .
I pneumatici a struttura radiale presentano valori di resistenza al rotolamento minori del 20% circa rispetto a quelli caratteristici degli pneumatici a tele incrociate oltre ad una velocità critica più elevata.
Il pneumatico si deforma durante il rotolamento e, per produrre questa deformazione, è necessario spendere una certa quantità di energia, che non viene del tutto recuperata alla fine della zona di contatto a causa dei surriscaldamenti dovuti all'isteresi del materiale.
La resistenza di rotolamento è la forza applicata nel centro della ruota,  per equilibrare le pressioni di contatto del pneumatico fino ad iniziare il rotolamento, quindi l'energia consumata da un pneumatico su una certa distanza.

La resistenza di rotolamento aumenta di poco all'aumentare della velocità, ma al raggiungimento della velocità critica, la resistenza di rotolamento aumenta notevolemente per effetto delle vibrazioni generate. Oltre questa velocità il pneumatico cessa di funzionare regolarmente, si surriscalda, si deforma e in breve distrugge la sua copertura. Altre sollecitazioni come il terreno, gli ostacoli, gli effetti aerodinamici, possono comportare l'apparire delle vibrazioni del pneumatico.
 

Immagini

line_separator